Novità dallo studio

Legge di Bilancio 2018

Il testo approvato dal Consiglio dei Ministri in particolare ha confermato

  • stop all’aumento delle aliquote IVA ed Accise per il 2018; più nello specifico, sono state neutralizzate le clausole di salvaguardia evitando così l’incremento delle aliquote IVA ed accise;
  • blocco all’aumento delle aliquote dei tributi e delle addizionali locali e regionali;
  • promozione della competitività tramite riconferma ed introduzione di nuovi incentivi fiscali;sono confermate molte misure di contenimento della pressione fiscale e di sviluppo, già contenute nella precedente legge di bilancio, quali le agevolazioni per gli interventi di ristrutturazione edilizia ed energetica, il superammortamento e l’iperammortamento;
  • sostegno investimenti in PMI (proroga della Nuova Sabatini);per assicurare continuità operativa e qualificare maggiormente gli investimenti in chiave “Industria 4.0.” viene prorogata la misura di promozione delle piccole e medie imprese nota come “Nuova Sabatini”;
  • incentivo strutturale per occupazione giovanile stabile; a decorrere dal primo gennaio 2018 i datori di lavoro del settore privato che assumono giovani con contratti a tutele crescenti beneficeranno di uno sconto triennale sui contributi previdenziali pari al 50% (esclusi i lavoratori domestici).

L’esonero spetta anche per le assunzioni avvenute nei mesi di novembre e dicembre 2017, ferma restando la decorrenza dal primo gennaio 2018.  Lo sconto contributivo si applica anche nei casi di prosecuzione di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato, qualunque sia l’età anagrafica al momento della prosecuzione e quando un datore di lavoro assume, entro sei mesi dal conseguimento del titolo di studio, studenti che abbiano svolto percorsi di alternanza scuola-lavoro o di apprendistato per il conseguimento del titolo di studio;

Tra le altre iniziative la Legge di Bilancio 2018 conterrà interventi sulle seguenti tematiche:

  • rinnovo contratti del Pubblico Impiego;
  • Ape sociale donna;
  • Ape a tempo determinato;
  • RITA (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata);
  • bonus cultura per i diciottenni;
  • pacchetto MIUR;
  • risorse per Province e Città Metropolitane;
  • investimenti enti locali;
  • rimborsi ai comuni per minor gettito;
  • risorse in favore delle Regioni;
  • banda Larga;
  • misure per il Mezzogiorno;
  • sport.

Successivamente alla definitività del provvedimento ed in assenza di modifiche normative di rilievo sarà resa disponibile una specifica circolare di approfondimento sui temi di maggior rilevanza.